' I pasticci di Ale Titti : Pane rustico con grano spezzato

lunedì 23 giugno 2014

Pane rustico con grano spezzato





Fare il pane in casa con le proprie mani è un piacere indescrivibile,
una cosa davvero affascinante e magica.....

Ad iniziare dal momento dell'impasto, all'attesa della crescita, al piacere della formatura,
fino al momento della cottura, dove cuocendo si sprigionano tutti i profumi del pane che inebriano tutta la casa!

Dopo la prova della focaccia con grano spezzato, che trovate qui, vorrei proporvi un altra ricetta con questo ingrediente particolare, il pane rustico.
Questo è uno dei pani preferiti dalla mia famiglia, e pur essendo già molto gustoso di suo,
il grano spezzato gli conferisce un valore aggiunto in termini di profumo, aroma e gusto.

Ottimo con i salumi ma anche con un generoso giro di olio rigorosamente evo a crudo!
E cosa c'è di più buono del pane, quando il pane è buono?










L'impasto che vi propongo è di Kg 1,760 all'incirca, da cui ho ricavato 2 pagnotte da 860-870g  ciascuna da crudo.
Ma non perdiamoci in chiacchiere e mettiamo le mani in pasta.

Per la ricetta e il procedimento ho seguito i consigli di Gabriele Baldi.

La ricetta prevede una biga ed un autolisi.



Grano spezzato                Grano spezzato         200 g
                                          Acqua                        300 g

Scaldare l'acqua a 85° e versarla nel grano spezzato e lasciarlo a 18-20° per 18-22 ore


Biga                                 Farina W 350            414 g
                                         Acqua                       187 g
                                         Lievito                         4  g

La biga si prepara mettendo il lievito e la farina nell'acqua, e si  miscela giusto il tempo di idratare la farina, l'impasto dovrà risultare grezzo e riporla in un contenitore coperto con un panno bagnato e ben strizzato a 18-20° per 18-22 ore.


Autolisi                           Farina tipo 0              206  g
                                        Farina W 260             206  g
                                        Acqua                        160  g
                                        Malto                             4  g

L'autolisi andrà preparata 60-180 minuti prima dell'impasto finale, gli ingredienti vanno solo miscelati affinchè la farina si idrati, anche questo risulterà un impasto abbastanza grezzo.


Impasto finale                Lievito                            4  g
                                        Acqua                            66  g
                                        Sale                               16  g
                                        Grano ammollato         500 g



Procedimento

Versare nella ciotola dell'impastatrice metà acqua prevista per l'impasto finale, aggiungere il lievito, la biga, l'autolisi a pezzetti, e molto gradualmente  3/4 di grano ammollato quest'ultimo aiuterà ad idratare l'impasto. Aggiungere il sale sciolto nell'acqua rimanente e mettere  il grano ammollato rimasto. Formare un bel glutine e terminare l'impasto.







Mettere la massa in un contenitore leggermente unto di olio e far lievitare per 45 minuti, trascorsi i quali, fare un primo giro di pieghe a tre






e riporre a lievitare per altri 40-45 minuti, trascorso il tempo, fare un secondo giro di pieghe a tre, e riporre nuovamente nel contenitore.

Far riposare per una mezz'oretta e spezzare l'impasto in due pezzi da 860-870 g circa, fare la preforma e lasciare rilassare per 20 minuti, quindi fare la formatura finale ( a vostro piacere, o filone o pagnotta) e far lievitare fino al raddoppio.

Tutti i passaggi io li ho fatti ad una temperatura di 24-25°.


Cottura

L'ideale sarebbe cuocere nella refrattaria ma in mancanza di questa, posizionarlo nella leccarda del forno a 200-220° per 50 minuti circa.








12 commenti:

  1. da leccarsi i baffi: affettato ancora caldo (lo so che non si dovrebbe fare) con olio buono e sale.... sono una incorreggibile golosa!!!
    baci Ale
    Sandra

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero Sandra!!!! Specie poi se anche l'olio è home made!!! Un abbraccio!!!!

      Elimina
  2. Ale, ma non lo porti dalla Valentina per Panissimo di Giugno?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sò, ne ho già portate due di ricette.....non è che poi mi "gonfia"??? ahahhahahah

      Elimina
  3. Come sempre complimenti! Mi metteròalla ricerca del grano spezzato ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie tesoro! Senti qualche rivenditore se può trovartelo! Smackkkk!!!!

      Elimina
  4. Bellissimo pane.

    Il grano spezzato si trova sotto il nome di "bulgur" o "burghul", a seconda dei casi. Sicuramente si trova al Naturasì e anche negli Ipermercati (coop, conad...).

    Ciao!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Byte grazie! E grazie anche per le info su come reperire il bulgur, in questo caso il grano spezzato è di grano tenero non duro.

      Elimina
  5. questo pane con grano spezzato mi ha molto incuriosita. lo voglio fare subito. in questo momento non ho grano spezzato ma ho semola abbastanza grossa , quella che si usa per fare il couscous, che è più grossa della nostra. provo a utilizzare questa , male che vada durante la lavorazione si potrebbe trasformare in semola. vediamo. lo faccio con semola macinata a pietra e con il lievito madre, devo studiare bene le proporzioni. per il resto credo di seguire il tuo procedimento. cosa ne pensi delle mie modifiche? potrebbero andare? grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, non saprei, la particolarità di questo pane è data proprio dal grano spezzato, che conferisce un sapore molto gustoso e ricco di fibra grezza e con la semola macinata a pietra, faresti un altro tipo di pane. Comunque prova a farlo, e poi fammi sapere.

      Elimina
  6. Risposte
    1. Giovanna ti lovvooooooooo
      un abbraccio!!!!!!!!!!!!!!!!! Alessandra

      Elimina